Lo studio Rocco si occupa, oltre alla attività ordinaria, della consulenza nel settore del diritto contabile, tributario, societario e fallimentare, al fine di consentire la migliore valutazione dei pro e dei contro delle diverse soluzioni.

Una notevole esperienza è stata maturata nel settore del contenzioso tributario, in particolare nell’ambito degli accertamenti bancari eseguiti dagli uffici tributari.

Tra i principali valori vi è quello di fornire una consulenza trasversale in modo da permettere alle imprese le scelte più consapevoli.

All’attività professionale si aggiunge quella scientifica, che consiste nella pubblicazione di articoli di dottrina sulle principali riviste italiane, di diritto tributario e da ultimo su quelle di diritto fallimentare. Di seguito, in fondo a questa pagina, scorrono gli estratti parziali di alcuni articoli pubblicati sulle corrispondenti riviste; essi comunque sono parzialmente visibili nella Pagina delle pubblicazioni, facendo click sul numero posizionato nella prima colonna della tabella.

Tali articoli sono la garanzia per la clientela di un costante aggiornamento e di una elevata qualità delle prestazioni di assistenza offerte.

Sul n. 2 del 2019 della rivista “DIRITTO E PRATICA TRIBUTARIA” è pubblicato il seguente articolo “La prescrizione dei crediti tributari nell’ambito del fallimento: ancora incerta la giurisdizione”.

L’abstract è il seguente:

Sono escluse dalla giurisdizione tributaria le controversie riguardanti gli atti dell’esecuzione forzata tributaria “successivi alla notifica della cartella di pagamento”. Tuttavia la prescrizione del credito tributario, maturata dopo la notifica della cartella, pone all’interprete l’interrogativo se si ripristini o meno la giurisdizione tributaria. A questo interrogativo si aggiunge la particolarità del fallimento, in cui le norme sulla riscossione sarebbero inutili visto che nessuna esecuzione individuale ci potrà essere. Questi due profili sono analizzati dall’Autore, unitamente alla circostanza che il curatore conosce dell’esistenza del credito tributario non a seguito della notifica di un atto tributario bensì nel momento in cui riceve la domanda di ammissione al passivo.

L’indice sommario è:

  1. La posizione della Cassazione e la successiva sentenza della Corte costituzionale. – 2. Precisazioni preliminari circa la incontrovertibilità della pretesa tributaria. – 3. Il dibattito recente sulla giurisdizione in ambiti diversi da quello fallimentare. – 4. Alcune particolarità della riscossione dei tributi nel fallimento. – 4.1. L’orientamento estremo circa la pretesa inutilità del ruolo. – 4.2. La notifica della cartella, i termini di decadenza e lo scioglimento della riserva. – 4.3. Prima conclusione circa la complementarietà tra le norme tributarie e quelle fallimentari e la novella del 2015. – 5. Altre particolarità della riscossione dei tributi nel fallimento. – 5.1. La giurisdizione circa la definitività del titolo. – 5.2. I privilegi: un’altra peculiarità. – 6. Conclusioni.

Il titolare dello “Studio commercialista Rocco” è Giuseppe Rocco, dottore commercialista, iscritto all’Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Avellino. Svolge l’attività professionale da oltre venti anni.

Le altre pagine sono state progettate per la modalità interattiva, ovvero il visitatore può ordinare le informazioni, secondo il criterio di ordinamento che preferisce, facendo clic in testa alle colonne. Altresì è possibile immettere nel riquadro “Cerca”, ad es. della pagina novità normative e giurisprudenziali  la parola che si intende cercare.

Oppure si veda Tabella delle aliquote nominali di tassazione dei principali paesi stranieri

In questo modo saranno estratte le righe che contengono la parola cercata.

E’ consigliabile visualizzare il sito con Mozilla Firefox, Google Chrome, Internet explorer v. 10 o successiva